Listra

Kilistra

Listra (o Lystra), conosciuta come Kilistra in turco, è un'antica città situata a 45 km a sud-ovest di Konya, nel villaggio di Gökyurt nella cittadina di Hatunsaray in Anatolia centrale. Si trova a 1373 metri sul livello del mare. L'intera area è adagiata su una grande roccia tufacea formata da eruzioni vulcaniche in epoche antiche, simile a Ihlara.

La storia della regione risale alla tarda Età del bronzo. Listra fu abitata durante il periodo ellenistico e romano. Si trovava sull'antica Strada Reale, conosciuta come Via Sebaste. Per la sua importanza strategica nella punta meridionale dell'Impero Romano, la città fu resa colonia militare dall'imperatore Augusto nel 25 a.C; la VII Legione aveva la base qui.

Listra divenne una città importante durante la prima cristianità, soprattutto tra il VI e il XIII secolo, ed è menzionata negli Atti del Nuovo Testamento. Nel I secolo d.C San Paolo e Barnaba visitarono Listra dopo Iconio (l'odierna Konya), diffondendo così il cristianesimo nella regione. Dopo Listra, il loro viaggio proseguì per Derbe, Antiochia di Pisidia (l'odierna Yalvaç) e Seleukia (l'odierna Silifke).

La regione fu attaccata e saccheggiata molte volte dalla primitiva tribù di Homonadi, e anche i suoi abitanti cristiani furono disturbati da ebrei e pagani romani che vivevano nelle vicinanze. Pertanto la città doveva essere adatta a nascondersi e difendersi, così furono scavate case nel tufo che sono architettonicamente simili agli insediamenti in Cappadocia.

Quando l'imperatore Costantino accettò il Cristianesimo come religione dell'Impero Bizantino nel IV secolo, Listra iniziò a svilupparsi ulteriormente. La città fu saccheggiata dai Persiani all'inizio del VI secolo e poi dagli Arabi tra il VII e il IX secolo. Nell'XI secolo i Selgiuchidi arrivarono nella regione, poi il Principato di Karamanoglu la governò dopo il XIII secolo e infine fu catturata dal sultano Mehmet II nel 1466.

Durante gli scavi a Listra gli archeologi hanno scoperto strutture scavate nella roccia tra il II e l'VIII secolo; chiese, stanze residenziali, tombe, rifugi, torri di avvistamento, cisterne, cantine, oltre a un ponte e una città sotterranea. C'è anche una piccola fortezza, un monastero e altre strutture nella vicina montagna di All-Sumas. C'è un piccolo museo in città.

Oggi la popolazione locale del villaggio si guadagna da vivere con l'agricoltura e la zootecnia.