Le Amazzone

Secondo la mitologia greca, le Amazzone furono una tribù guerriera di donne discendenti dal dio della guerra Ares e dalla naiade Harmonia. Ebbero origine dall'area intorno alla catena del Caucaso e si stabilirono sulla riva del fiume Thermodon nel Ponto, in Asia Minore, dove fondarono la città di Themiscyra sulla costa dell'Euxine, odierna Terme nella provincia di Samsun, sulla costa del Mar Nero della Turchia.

Per la continuazione della corsa amazzonica, le donne si accoppiavano con i vicini uomini gargani per un breve periodo ogni anno. I figli maschi nati da queste unioni venivano mandati nei gargani o uccisi. Un'altra versione del mito racconta di un certo numero di uomini tenuti per scopi di accoppiamento, ma avevano lo status di schiavi e potevano svolgere solo quei compiti eseguiti in altri paesi dalle donne. La leggenda dice anche che le gambe e le braccia di questi uomini furono mutilate per impedire che sfidassero il potere delle Amazzone.

Le donne governavano interamente la loro società e due regine, una per la difesa e una per gli affari interni, condividevano il governo sovrano. Indipendentemente dal fatto che gli uomini fossero o meno inclusi nello stato amazzonico, solo le donne portavano armi, non solo per difendere il proprio paese, ma anche per spedizioni di conquista nei territori vicini. Combatterono sia a piedi che a cavallo, portando scudi a mezzaluna e brandendo lance, archi e asce da battaglia. In alcuni miti, si dice che le bambine avevano il seno destro scottato per disegnare un arco e lanciare giavellotti in modo più efficiente da adulti.

un bassorilievo di AmazzoneLa guerra, la caccia, l'agricoltura e l'addestramento delle Amazzone erano le loro principali attività. Si diceva che fossero i primi umani a cavalcare a cavallo. Le Amazzone furono particolarmente devote alla dea della caccia, Artemide.

Le storie sulle Amazzone appartengono alle prime saghe greche. Omero li menziona in un modo che mostra che erano familiari al suo pubblico. Quando nei tempi storici i greci acquisirono familiarità con la regione del Thermodon e non vi trovarono amazzone, presumevano che Eracle (Ercole) le avesse distrutte tutte o che fossero state scacciate. Così nelle leggende successive, le Amazzone furono allontanate sempre più dalla loro patria originaria, ma si trovavano sempre ai margini del mondo come allora era noto ai Greci. Si diceva che fossero di origine scita dalla Colchide (a sud del Caucaso) e si supponeva che ci fosse anche una razza di Amazzone in Africa. Erano, in ogni caso, sempre estranei alla patria greca, e ai Greci, come tutti gli stranieri, erano visti come barbari.

Le Amazzone erano un soggetto preferito da scultori e pittori. Nell'arte dei primi periodi sono vestiti esattamente come i guerrieri, ma di solito con un seno scoperto. Dopo le guerre persiane (499-448 a.C), ad esempio, sui vasi greci del grande periodo classico sono rappresentati in abiti orientali, indossando cappelli e pantaloni, e le loro immagini si riferiscono più a leggende note su di loro. Non sono mai raffigurati come aver perso un seno, nonostante la credenza greca il loro nome significasse "senza seno".

Sono state avanzate varie spiegazioni sulle origini delle leggende sulle Amazzone. Alcuni scrittori li fanno risalire alle schiave armate che servivano certe divinità asiatiche. L'associazione delle Amazzone con Artemide supporta questa teoria, ma è più probabile che la storia sia un'elaborazione fantasiosa di rapporti sulle tribù matriarcali in Anatolia, o di tribù in cui le donne conducevano una vita più libera e dura di quanto non facessero in Grecia. La persistenza della leggenda fino al II e III secolo d.C e la sua popolarità come tema nelle arti dimostrano che il mito dell'Amazzonia aveva un profondo fascino per i Greci.

Un'altra leggenda dice che la città di Efeso in Asia Minore fu fondata dalle Amazzone e la loro regina, Efesia, diede il suo nome alla città.

Alcune delle Amazzone leggendarie furono: Aella, Antiope, Hippo, Hippolyta, Lysippe, Marpesia, Omphale, Otrere, Pantariste, Penthesilea, e Thalestris.