Trattati di Sèvres & Losanna

Trattato di Sèvres

È un trattato di pace concluso il 10 agosto 1920 dopo la prima guerra mondiale a Sèvres - Francia, tra l'Impero Ottomano da un lato e gli Alleati (esclusi Russia e Stati Uniti) dall'altro. Il trattato, che liquidò l'Impero Ottomano e abolì virtualmente la sovranità turca, seguì sostanzialmente le decisioni prese a Sanremo.

In Asia, la Turchia rinunciò alla sovranità sulla Mesopotamia (Iraq) e Palestina (compresa la Trans-Giordania) che divennero mandati britannici; la Siria (compreso il Libano) che è diventato un mandato francese; e il regno di Hejaz. La Turchia ha mantenuto l'Anatolia, ma avrebbe concesso l'autonomia al Kurdistan. L'Armenia divenne una repubblica separata con garanzie internazionali e Smirne (l'odierna Izmir) e i suoi dintorni furono posti sotto l'amministrazione greca in attesa di un plebiscito per determinare il suo status permanente.

In Europa, la Turchia cedette parti della Tracia orientale e alcune isole dell'Egeo alla Grecia, e il Dodecaneso e Rodi all'Italia, conservando solo Costantinopoli (l'odierna Istanbul) e i suoi dintorni, inclusa la zona degli stretti di Dardanelli ed il Bosforo, che sono stati neutralizzati e internazionalizzati. Gli alleati hanno inoltre ottenuto il controllo virtuale dell'economia turca con i diritti di capitolazione.

Il trattato fu accettato dal governo del sultano Mehmed Vahdettin VI a Istanbul ma fu respinto dal governo nazionalista rivale di Kemal Atatürk ad Ankara. Il trattato separato di Atatürk con l'URSS e le sue successive vittorie contro i Greci durante la Guerra d'Indipendenza costrinsero gli Alleati a negoziare un nuovo trattato nel 1923, a Losanna, in Svizzera.

Trattato di Losanna

Questo trattato fu firmato il 24 luglio 1923. Il trattato di pace di Sèvres imposto dagli alleati all'Impero ottomano dopo la prima guerra mondiale aveva praticamente distrutto la Turchia come stato nazionale. Il trattato non è stato riconosciuto dal governo nazionalista sotto Mustafa Kemal Pascià (in seguito noto come Atatürk). Dopo la vittoria nazionalista sui greci e il rovesciamento del sultano durante la guerra d'indipendenza, il governo di Atatürk era in grado di richiedere un nuovo trattato di pace. Di conseguenza, i firmatari del Trattato di Sèvres e delegati dell'Unione Sovietica (esclusi dal precedente trattato) si sono incontrati a Losanna - Svizzera. Dopo lunghi negoziati nel 1923 fu firmato un trattato di pace.

La Turchia recuperò la Tracia orientale, diverse isole dell'Egeo, una striscia lungo il confine siriano, il distretto di Smirne e la zona internazionalizzata degli Stretti (Bosforo e Dardanelli), che tuttavia sarebbe rimasta smilitarizzata e sarebbe rimasta soggetta a una convenzione internazionale. La Turchia ha recuperato pieni diritti sovrani su tutto il suo territorio e le zone di influenza e capitolazioni straniere sono state abolite. Al di fuori della Zona degli Stretti, nessuna limitazione è stata imposta allo stabilimento militare turco. Non sono state richieste riparazioni.

In cambio, la Turchia ha rinunciato a tutte le rivendicazioni sugli ex territori turchi al di fuori dei suoi nuovi confini e si è impegnata a garantire i diritti delle sue minoranze. Un accordo separato tra la Grecia e la Turchia prevedeva lo scambio obbligatorio delle minoranze.