Teodosio III

Governato l'impero bizantino tra il 715 e il 717 d.C, Teodosio III fu un esattore delle tasse ad Adramyttium (l'odierna Edremit nella regione dell'Egeo) e divenne un candidato imperiale dalle truppe ribellate contro Anastasio II. Entrò a Costantinopoli (l'odierna Istanbul) come imperatore nel 715 dopo un assedio di sei mesi, deponendo Anastasio. Sostituì l'immagine del Sesto Sinodo Ecumenico. Nel 716 firmò un trattato con i bulgari contro gli attacchi arabi a Costantinopoli, stabilendo il confine con la Tracia.

Nel 717, Leone III si ribellò al governo di Teodosio e catturò suo figlio a Nicomedia (l'odierna Kocaeli), così Teodosio scelse di dimettersi dal trono. Insieme a suo figlio, entrò successivamente nel clero e divenne vescovo di Efeso, dove è sepolto.