Teodosio II

Governato tra il 408-450 d.C, Teodosio II fu il figlio e successore di Arcadio. Preferì lo studio della teologia e dell'astronomia agli affari pubblici lasciandolo alla sorella Pulcheria e alla moglie Eudocia.

Gli eventi politici più importanti del suo regno furono l'istituzione di Valentiniano III come imperatore in Occidente nel 425 e le incursioni nell'impero bizantino da parte degli Hun sotto Attila. Nel 431, Teodosio convocò il Concilio di Efeso, che condannava il nestorianesimo, e nel 449 convocò e sostenne il Sinodo dei ladri, che dichiarò l'ortodossia dell'eutichismo. Fondò anche l'Università di Costantinopoli (Istanbul moderna) nel 425, dichiarò il Codice Teodosiano (Codex Theodosianus) nel 438 e restaurò le mura della città.

Marciano, suo cognato, gli succedette quando morì nel 450 d.C per un incidente di equitazione.