Recep Tayyip Erdogan

Istanbul 1954 - presente

Recep Tayyip Erdogan

Recep Tayyip Erdogan è nato il 26 febbraio 1954 a Istanbul, dove ha completato la sua educazione scolastica. Fin dall'adolescenza si era interessa di politica e affari. Era anche un calciatore professionista da giovane. Erdogan aveva 15 anni quando frequentava il ramo giovanile del suo partito politico.

Il suo successo come presidente del partito a Istanbul lo ha reso eletto sindaco della città nel 1994. Mentre era presidente della città dell'ex Partito di Prosperità (RP) a Istanbul, aveva sviluppato una nuova forma di organizzazione e l'aveva portata avanti per la direzione comunale. I suoi progetti per lo sviluppo e la sua determinazione a seguire i compiti da svolgere, lo hanno reso vincente nella gestione municipale. Con ciò, ha portato nuovi concetti e metodi al sistema strutturale politico. Ha cercato di risolvere problemi infrastrutturali complessi nel comune tra il 1994-1998.

Nel 1998 è stato bandito dal Consiglio Elettorale Superiore turco (YSK) dal ricoprire qualsiasi carica pubblica a causa della sua precedente condanna per incitamento all'odio religioso tra le masse, e ha trascorso quattro mesi in prigione. Dopo la fine del suo divieto politico, è rientrato in politica e nel 2003 è diventato il primo ministro della Turchia come leader del Partito di Giustizia e Sviluppo (AKP).

Il 12 giugno 2011, Tayyip Erdogan e il suo partito hanno vinto nuovamente le elezioni parlamentari per la terza volta e ha formato il governo.

La prima elezione pubblica per il Presidente della Repubblica si è tenuta il 10 agosto 2014 e Recep Tayyip Erdogan ha vinto le elezioni presidenziali con il 51% dei voti totali. Ha prestato giuramento il 28 agosto ed è diventato il dodicesimo presidente della Turchia. Le successive elezioni presidenziali e parlamentari si sono svolte il 24 giugno 2018, dove Erdogan ha ricevuto il 52% dei voti presidenziali. Ma questa volta aveva più poteri poiché la Costituzione era stata modificata in precedenza con un referandum, così formò anche il suo proprio governo.

Erdogan ha dovuto fermare il tentativo di colpo di stato del 15-16 luglio 2016 quando una piccola fazione dell'esercito si è ribellata a lui e al governo. Dopo il referendum del 16 aprile 2017, la Costituzione è stata modificata in modo che il presidente potesse diventare membro di un partito politico, così è diventato di nuovo il leader dell'AKP.

Recep Tayyip Erdogan è sposato e ha due figli e due figlie.