Strabone

Strabone è un geografo e storico greco vissuto tra il 63 a.C e il 24 d.C. È nato ad Amaseia (odierna Amasya), una città nel regione del Ponto, parte della regione del Mar Nero nel nord della Turchia moderna. Lui veniva da una famiglia nobile e aveva una buona educazione; ha studiato geografia e filosofia nella città di Nyssa, nella regione di Caria, e poi continuando gli studi a Roma. Ha viaggiato molto durante la sua vita, specialmente in Egitto e nell'area del Nilo.

Strabone ha scritto il suo famoso libro "Geographica" (Geografia) che è stato raccolto in 17 volumi. In questi libri ha menzionato la storia di tutte le persone e le regioni del mondo di quel tempo. Oggi, tutti questi volumi vengono salvati, ad eccezione di alcune parti del volume 7. I volumi 11-14 descrivono in particolare Asia Minore. Strabone ammette di essere stato influenzato da Omero, in particolare ammira la sua grande conoscenza della storia del mondo greco.

Nel libro di Geographica, Strabone diceva che il mondo intero era costituito da un unico grande Oceano e che l'India poteva essere raggiunta se avessi viaggiato fino alla fine verso Occidente. Ha anche parlato delle sue teorie sulla formazione di montagne e vulcani e che le isole nel Mediterraneo sono emersi dall'eruzione di vulcani sotto il mare. Ha menzionato l'erosione della terra, lo spostamento dei continenti, i confini dei paesi e le loro distanze l'uno dall'altro, le caratteristiche economiche ed etnografiche di ciascuna regione e molti altri dati utili. Ha descritto Anatolia, Egitto, Italia, India, Iran e Mesopotamia.

Strabone ha anche composto un libro di storia chiamato "Historica Hypomnemata" (Memorie storiche) di 47 volumi, ma nulla è sopravvissuto fino ai nostri giorni tranne poche pagine di papiri.

Dopo la sua morte intorno al 24 d.C, i geografi e storici romani, come Plinio per esempio, hanno ignorato lui e le sue opere. Ma dopo il 5o secolo, gli scrittori e storici bizantini gli hanno dato nuovamente il merito. Oggi Strabone è chiamato "il geografo".