Siti religiosi in Turchia

La penisola anatolica, che si estende su due continenti, forma un ponte di terra naturale tra l'Europa e l'Asia. Per la sua posizione unica, l'Anatolia è sempre stata meta di numerosi immigrati, molti dei quali lasciarono il segno indelebile del loro patrimonio culturale durante il loro insediamento in questa zona, ora conosciuta come Türkiye (Turchia).

L'Anatolia è stata la culla di numerose civiltà per migliaia di anni e il luogo di nascita delle tre principali religioni: cristianesimo, giudaismo e islam. Questo fatto da solo, presta alla Turchia il suo patrimonio culturale e archeologico unico e inestimabile. A causa della sua posizione laica nel mondo, l'atteggiamento della Turchia nei confronti della religione è stato di tolleranza.

Il giudaismo, che era la prima religione monoteista, era molto diffuso in Anatolia. Recenti scavi archeologici condotti nella regione dell'Egeo indicano l'esistenza del giudaismo fin dall'inizio del IV secolo a.C. Sardis (vicino alla cittadina di Salihli oggi) contiene i resti di una delle più antiche sinagoghe risalenti al 220 a.C che fornisce un bell'esempio strutturale e archeologico di questo luogo di culto. Resti di un altro antico insediamento appartenente al popolo ebraico sono stati portati alla luce durante gli scavi condotti lungo le coste dell'Egeo e del Mar Nero.

L'Impero Ottomano era sempre stato tollerante nei confronti dei non musulmani e non aveva mai proibito o limitato il loro culto in conformità con la loro religione. Nel 1324, quando Orhan Gazi conquistò Bursa, permise alla comunità ebraica di costruire la sinagoga Etz-Hayim. Nel 1394, il popolo ebraico partì dalla Francia per ordine di Carlo VI e cercò rifugio a Edirne.

Poi nel 1492, il re di Spagna Ferdinando d'Aragona e la regina Isabella di Castiglia espulse gli ebrei (Inquisizione). L'Impero Ottomano di quel tempo, governato dal sultano Beyazid II, aveva accolto quegli ebrei rimasti senza casa a causa della loro deportazione dalla Spagna a causa delle loro convenzioni e credenze e li aveva stabiliti in Anatolia. Gli ebrei sefarditi avevano vissuto per secoli tra i turchi in pace e comfort e avevano seguito le loro credenze sotto gli auspici della tolleranza turca (secolarismo).

L'Anatolia è anche un'area significativa per i cristiani ed è considerata santa e sacra per molte ragioni che includono:

  • San Paolo, uno dei primi capi della Chiesa cristiana che si dedicò alla diffusione e all'espansione del cristianesimo, nacque a Tarso, l'antica Cilicia. Scrisse la sua lettera agli Efesini ad Efeso.
  • Le sette chiese dell'Apocalisse che sono state menzionate nel libro di Apocalisse e si trovano in Anatolia; Efeso (Efes), Smirne (Izmir), Pergamo (Bergama), Thyatria (Akhisar), Sardi (Sart), Filadelfia (Alasehir), Laodicea (Denizli).
  • San Giovanni visse e morì ad Efeso. La sua tomba e la chiesa si trovano nella vicina Selcuk, nella provincia di Izmir.
  • Le prime otto riunioni del Consiglio ecumenico si sono tenute in Turchia odierna. Soprattutto il primo e il settimo consiglio di Nicea (Iznik) stabilirono la tradizione di tenere regolarmente questi incontri.
  • I credenti di Cristo furono chiamati "Cristiani" per la prima volta ad Antakya (Antiochia). La prima chiesa del cristianesimo fu scolpita in una grotta ad Antiochia e chiamata la Grotta di San Pietro.
  • Maria Vergine trascorse gli ultimi giorni della sua vita ad Efeso. La prima chiesa dedicata a lei si trova sempre ad Efeso.
  • San Nicola nacque a Patara e divenne vescovo a Myra.
  • L'apostolo San Filippo visse a Hierapolis e vi fu martirizzato.

I turchi che si stabilirono in Anatolia dopo il 1071 costruirono molti importanti simboli religiosi legati alla fede islamica. Questi esempi che riflettono lo stile architettonico dei periodi islamici possono essere classificati come segue:

  • Moschee (Cami)
  • Scuole teologiche (Medrese)
  • Complessi edilizi adiacenti ad una moschea (Külliye)
  • Santuari (Türbe)
  • Tombe con tetti conici (Kümbet)

I turchi hanno preservato e protetto le sinagoghe e le chiese che appartenevano alla fede ebraica e cristiana. Questi luoghi sacri ben conservati mostrano l'esempio migliore e più concreto di come la religione islamica tratta le altre religioni con tolleranza e rispetto. Oggi si possono trovare centinaia di esempi religiosi in ogni provincia della Turchia, specialmente ad Istanbul.

Il popolo turco, in maggioranza musulmano, che continua a portare avanti le proprie tradizioni e convenzioni in modo contemporaneo e in armonia con le proprie credenze islamiche, ha costruito moschee, tombe e aree religiose simili che riflettono le caratteristiche dell'Anatolia, dove i turchi vivono da secoli i loro valori artistici oltre che la loro importanza religiosa.

Un importante settore delle religioni politeiste era fiorito in Anatolia quando le religioni monoteiste furono stabilite in Medio Oriente e quando furono scoperte le aree religiose. Questi luoghi sono stati considerati sacri e sacri sin dal Medioevo e si trovavano in Anatolia, una regione che ha e funge ancora da ponte culturale a causa della situazione geopolitica della Turchia. Poiché la Turchia è stata tradizionalmente un corridoio secolare nel corso della storia, il suo ruolo nelle arene internazionali si è espanso ed è attualmente una delle regioni più strategiche del mondo, se non nel Medio Oriente al suo momento.

Durante tutta la loro storia, i turchi islamici, a seguito dell'atteggiamento umanitario nei confronti delle credenze dei seguaci di altre religioni monoteiste a cui erano esposti, in una vasta tolleranza in obbedienza alle regole e alle credenze della religione islamica, avevano vissuto insieme con numerosi gruppi etnici in Anatolia in pace e contenti.

La popolazione non musulmana aveva il diritto di vivere e stabilirsi ovunque volesse sia durante il periodo ottomano che durante l'era repubblicana. Senza alcuna discriminazione, i cittadini turchi islamici o non islamici hanno avuto il diritto di giurisdizione, credo religioso e concetto e hanno condotto i loro servizi religiosi, preghiere e cerimonie liberamente nei loro luoghi santi come moschee, chiese e sinagoghe. Come risultato di questo tollerante riconoscimento tutti i luoghi divini appartenenti al giudaismo e al cristianesimo sono stati accuratamente preservati e protetti.

Fede Sito Località
sito islamico Kumbet & Lapidi Selgiuchidi Ahlat
Monte Ararat Agri
sito cristiano Tyatira / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Akhisar (Manisa)
sito cristiano Monastero di Alahan Alahan
sito cristiano Filadelfia / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Alasehir
sito islamico Complesso di Sultano Beyazid Amasya
sito islamico Complesso di Haci Bayram Veli Ankara
sito cristiano Galazia Ankara
sito islamico Complesso di Habib-un Nencar Antiochia
sito cristiano Grotta di San Pietro Antakya
  Museo dei mosaici Antiochia
sito islamico Minareto Yivli Antalya
sito cristiano Pergamo / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Bergama
sito ebraico Sinagoga di Gerus Bursa
sito islamico Complesso di Muradiye Bursa
sito islamico Moschea Ulu (Grande) Bursa
sito islamico Yesil (verde) Turbe Bursa
sito cristiano Monasteri Lago Camici (Bafa)
sito cristiano Primo viaggio missionario di San Paolo Cevlik (Samandag)
sito cristiano Chiesa di San Nicola Demre (Myra)
sito islamico Moschea Ulu (Grande) Divrigi
sito islamico Moschea Ulu Diyarbakir
sito cristiano Chiesa di Maria Vergine Diyarbakir
sito islamico Tombe di Elisha e Dhu al-Kifl Egil - Diyarbakir
sito islamico Complesso di Selimiye Edirne
sito islamico Moschea Beyazid Edirne
sito islamico Moschea vecchia Edirne
sito cristiano Casa di Maria Vergine Efeso
sito cristiano Basilica Ecumenica di Maria Vergine & Efeso / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Ephesus
sito cristiano Basilica di San Giovanni Efeso
sito islamico Medresse di Cifte (doppio) minareto Erzurum
sito islamico Tomba di Abdurrahman Gazi Erzurum
sito islamico Villaggio del Monumento di Yunus Emre Eskisehir
sito islamico Complesso di Seyid Battal Gazi Eskisehir (Seyitgazi)
sito cristiano Insediamento paleo Cristiano Parco Nazionale di Goreme (Cappadocia)
sito islamico Complesso di Haci Bektas Veli Hacibektas
sito ebraico Harran dove Abramo visse secondo l'Antico Testamento Sanliurfa
sito islamico Eyub Sultan Istanbul (Eyup)
sito islamico Sacre reliquie Istanbul (Palazzo Topkapi)
sito islamico Complesso di Suleymaniye Istanbul
sito islamico Complesso di Sultanahmet (Moschea Blu) Istanbul
sito cristiano Ayasofya (Hagia Sophia - Santa Sofia) Istanbul
sito cristiano Kariye (San Salvatore in Chora) Istanbul
sito ebraico Sinagoghe di Neve Shalom & Ahrida Istanbul
sito cristiano Smirna / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Izmir
sito islamico Yesil Cami (Moschea Verde) Iznik - Nicea
sito cristiano Ayasofya (Hagia Sophia) Iznik
sito cristiano Tomba di Hipoje-Cristiano Iznik
sito cristiano Museo di Havariler (Santi) Kars
sito islamico Grotta di Sette Dormienti Kahramanmaras (Afsin)
sito islamico Complesso di Huand Hatun Kayseri - Cesarea
sito islamico Complesso di Gevher Nesibe Kayseri
sito islamico Doner Kumbet Kayseri
sito islamico Complesso di Mevlana Konya
sito islamico Moschea di Alaaddin Konya
sito islamico Minareto Ince (sottile) Konya
sito islamico Tombe dei sultani Selgiuchidi Konya
sito islamico Medrese di Karatay Konya
sito cristiano Derbe Konya
sito cristiano Karadag Konya
sito cristiano Lystra Konya
sito cristiano Monastero Sumela Macka (Trabzon)
sito islamico Moschea Sultan Manisa
sito cristiano Monastero Deyrul Zaferan Mardin
sito cristiano Alexandria Troas dove San Paolo incontrò San Luca Odun Iskelesi (Canakkale)
sito cristiano Martirio - Ottagono di San Filippo Pamukkale (Hierapolis)
sito cristiano Laodicea / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Denizli
sito cristiano Colossae Denizli
sito cristiano Luogo di nascita di San Nicola Patara (Antalya)
sito cristiano Centri episcopali Perge & Sillion & Side
sito ebraico Sinagoga di Sardi Sart (Manisa)
sito cristiano Sardi / Una delle sette chiese dell'Apocalisse Sart
sito islamico Tombe di Ibrahim Hakki Efendi & Hazreti Fakirullah Siirt (Aydinlar)
sito islamico Complesso di Veysel Karani Siirt (Baykan)
sito cristiano Basilica della prima santa donna, Aya Tekla Silifke
sito islamico Tomba di Seyit Battal Sinop
sito islamico Gökmedrese Sivas
sito islamico Medrese di Cifte (doppio) Minareto Sivas
sito islamico Medrese Sifaiye Sivas
sito islamico Moschea di Halil Rahman Sanliurfa
sito islamico Tomba del profeta Eyub Sanliurfa
sito cristiano Pozzo di San Paolo Tarso (Mersin)
sito islamico Tomba e Moschea di Gulbahar Hatun Trabzon
sito cristiano Ayasofya (Hagia Sophia) Trabzon
sito cristiano Chiesa Akdamar Van
sito cristiano Basilica di San Paolo Yalvac (Antiochia di Pisidia)