Citta' sotterranea di Kaymakli

Kaymakli è un paesino a 20 km da Nevsehir. Il suo antico nome greco fu Enegup. Oggi è famoso per una delle più grandi città sotterranee della Cappadocia. La sua storia risale al periodo Ittita e Frigia e poi si è estesa nel corso dei secoli. Le dimore che vediamo oggi sono state scolpite dai primi cristiani durante il 9o e il 10o secolo per proteggersi dagli invasori che arrivavano in Anatolia Centrale alla ricerca di prigionieri e saccheggi. Durante il periodo repubblicano, i contadini usarono queste grotte come deposito per le loro colture o come stalle per i loro animali, poi notando il suo potenziale turistico fu aperto al pubblico nel 1964.

La città sotterranea di Kaymakli è il secondo più grande complesso sotterraneo della Cappadocia. C'è un labirinto di tunnel e stanze senza fine scavate nella profondità di otto livelli sotto terra, ma solo quattro di essi sono aperti al pubblico. Tutte queste aree sono dotate di elettricità per il comfort dei visitatori di oggi. Dopo aver acquistato il biglietto d'ingresso ed entrato all'interno, noterete le frecce rosse che indicano la discesa e le frecce blu per salire.

Il primo piano di questa città rupestre troglodita era la stalla. Attraversando diversi corridoi e tunnel, potete notare delle porte rotonde in pietra che bloccavano il passaggio. Man mano andando avanti, vedrete una chiesa, aree di vita, locali di deposito, cantine, cucina e pozzi di ventilazione che scendono fino in fondo.

Un'altra importante città sotterranea vicino a Kaymakli si trova a Derinkuyu, che è la più grande città rupestre troglodita in Cappadocia.