Giustiniano I

un mosaico di Giustiniano IGiustiniano fu uno degli imperatori più famosi e di successo dell'era bizantina, dopo Costantino I. Nacque a Ilyricum (vicino a Skopje in Macedonia) nel 482 o 483 d.C. Nel 523 sposò Teodora, una ballerina scandalosa quindi fu molto criticato, e salì al trono nel 527 d.C dopo la morte di Giustino I. Diventato l'imperatore, combatté contro i Persiani tra il 528-530 che invasero la Mesopotamia e attaccarono sulle terre bizantine, e li fermò grazie ad uno dei suoi grandi comandanti dell'esercito, Belisario.

Durante il suo regno la Rivolta di Nika distrusse la città e la maggior parte dei suoi monumenti importanti, tra cui la chiesa di Santa Sofia, ammazzando oltre 30.000 persone in cinque giorni di guerra urbana. Giustiniano riuscì a porre fine alla rivolta con grande difficoltà e poi si dedicò alla ricostruzione di Costantinopoli e dei suoi monumenti; La chiesa di Hagia Sofia, la chiesa di Hagia Irene e la cisterna sotterranea furono tutte costruite sotto il suo governo.

Nel 533 d.C Giustiniano inviò il suo esercito in Africa sotto il comando di Belisario per sbarazzarsi del regno vandalico che causò molti problemi ai bizantini, e ci riuscì. Nel 535 d.C inviò il suo esercito in Italia con il suo comandante preferito per porre fine all'incapace governo di Theodahad, sbarcando in Sicilia e avanzando fino a Roma e Ravenna combattendo contro i Goti fino al 540. Successivamente scoppiò un'altra guerra con i Persiani nell'est, che attaccarono i bizantini e conquistarono Antiochia. La guerra continuò fino a quando finalmente Giustiniano firmò un patto di pace con i persiani nel 555 d.C.

Per quanto riguarda gli affari interni, Giustiniano sostenne la legge romana anche se la popolazione bizantina era in gran parte filo-greca. Stabilì il Codice Giustiniano (Codex Justinianus) nel 529 d.C unendo tutte le leggi imperiali valide sotto un'unica e fondando così la base di quasi tutti i sistemi legali in Europa. Introdusse anche la cultura del baco da seta in Europa. D'altronde, la sua passione per la costruzione di grandi monumenti come Hagia Sofia mise il tesoro bizantino in difficoltà e questo portò tasse elevate a danneggiare il commercio e l'industria. La stessa cosa è successa con una pesante tassazione di guerra per sostenere le sue campagne di guerra.

L'imperatore Giustiniano morì nel 565 d.C all'età di 83 anni, dopo aver regnato per 38 anni. Gli successe suo nipote Giustino II. Giustiniano fu sepolto nella Chiesa dei Santi Apostoli nell'odierno quartiere di Fatih ad Istanbul, che fu saccheggiata dai Crociati, poi distrutta dai terremoti, e successivamente sopra venne costruita una grande moschea con il volere del sultano Mehmed II dopo la conquista di Costantinopoli.