Iznik

Nicea

Iznik è una città con un patrimonio culturale di 2400 anni. Iznik, conosciuta come Nicea nei tempi antichi, è stata descritta dal mondo cristiano come la terza città santa dopo Gerusalemme e il Vaticano.

Iznik, che dista 85 km da Bursa, con terra fertile e vaste risorse storiche insieme a un bellissimo lago, è noto in tutto il mondo per le sue piastrelle. Era una città importante del periodo romano, periodo bizantino, periodo Selgiuchida, e anche durante l'Impero ottomano.

Due dei Concili ecumenici furono tenuti a Nicea rispettivamente nel 4o e 8o secolo d.C. A seguito di controversie sorte a causa delle differenze dottrinali nel Cristianesimo nel 320 d.C, l'imperatore bizantino Costantino ha convocato il Primo Concilio a Nicea nel 325. Al Concilio, cui hanno partecipato 300 vescovi, è stata cercata una soluzione per risolvere la controversia sulla divinità di Cristo. Successivamente, l'imperatrice Irene convocò il Settimo Consiglio nel 787 d.C. Alla fine del 19o Concilio Ecumenico tenutosi in Vaticano nel 1962, Nicea fu dichiarata "città santa" per i Cristiani.

La città oggi è un'importante destinazione del Turismo della fede in Turchia che serve a variare il turismo, a trasmettere l'immagine della Turchia secolare nel mondo e sottolineare la tolleranza nell'Islam nei confronti delle altre religioni.

Oggi a Iznik ci sono diversi siti da vedere, come la Basilica di Santa Sofia, che era una chiesa cristiana e poi convertita in una moschea, le mura e le porte della città, varie moschee e il museo archeologico.