Foca

Phokaia

Foça, conosciuta come Phokaia nell'antichità, è una graziosa cittadina sul Mar Egeo, 70 chilometri a nord di Izmir. La sua popolazione è di circa 30 mila ma nel periodo estivo sale a 70 mila con villeggianti locali e stranieri che prediligono questa zona per le sue bellezze naturali, l'acqua cristallina, le piccole calette e il clima. Alcune delle baie di Foca sono premiate con la Bandiera Blu, assicurando le acque pulite di un'area del Mar Mediterraneo e dell'Egeo. Questi sono; 1a baia di Mersinaki (spiaggia di Samata), 2a baia di Mersinaki (Hotel Club Phokaia), 3a baia di Mersinaki (ex-Club Med), 4a baia di Mersinaki (Hanedan Hotel), e la baia di Yeni Foca Canak (Pollen Hotel). La città ha molte case tradizionali in pietra, alcune delle quali sono state utilizzate come alberghi speciali ovvero boutique hotel. Foca è anche famosa per le sue foche mediterranee (Monachus Monachus), che sono in fase di conservazione. In realtà la città ha preso il nome dalle foche.

23 chilometri a nord di Eski (Vecchia) Foca c'è la cittadina di Yeni (Nuova) Foca, che ha molte case estive. Originariamente fu colonizzato dai genovesi che costruirono una base navale qui e la chiamarono Niyez Fokez o Phokainova, ma oggi è una moderna località estiva per la gente locale e non offre molto ai visitatori stranieri.

Phokaia fu una delle 12 città ioniche nella parte più settentrionale della regione Eoliana. Il suo nome venne menzionato nell'epopea di Omero, L'Odissea, con le rocce delle sirene. I primi abitanti della Vecchia Foca furono immigrati dalla Grecia intorno al IX secolo a.C che fuggirono dall'invasione dorica.

La città aveva due porti e una flotta molto forte che navigò fino all'Adriatico e alla Spagna per stabilire colonie come; Emporion (Ampurias) in Spagna, Alalia in Corsica, Velia nell'Italia meridionale, Massalia (l'odierna Marsiglia) in Francia, Lampsakos ai Dardanelli e Amisos (l'odierna Samsun) sul Mar Nero. Secondo Erodoto, il primo storico del mondo, i Focesi erano buoni marinai e percorrevano lunghe distanze con navi veloci con una capacità di 500 passeggeri, commerciavano con l'Egitto, coniavano monete di elettro (una miscela di oro e argento) ecc. Dopo Mileto, Foca divenne una città portuale molto importante sull'Egeo.

Nel VI secolo a.C la città fu conquistata dai Persiani che avanzavano in Asia Minore distruggendo i Lidi. Phokaia perse la sua forza e la maggior parte della sua popolazione sotto il dominio persiano. Uniti alla rivolta ionica di Lade contro la dominazione persiana, riconquistarono la loro libertà. La città divenne un membro della Lega di Delo durante il V secolo a.C, ma poi si ribellò e la lasciò, alleandosi con gli Ateniesi. La Phokaia esisteva, ma con minore importanza, durante il regno di Alessandro Magno e il periodo ellenistico. La città fu distrutta da grandi terremoti durante la dominazione romana nel I secolo a.C. Durante il periodo bizantino e poi ottomano la città fu una piccola cittadina di pescatori.

Gli scavi archeologici a Foca iniziarono nei primi anni del 1900, che fino ad oggi hanno portato alla luce numerosi monumenti di epoca arcaica, ellenica e romana, come; resti del Tempio di Atena e del Santuario di Cibele, un teatro all'aperto, un castello, mosaici, frammenti di ceramiche e vasellame, ecc. Alcuni dei reperti si trovano oggi nel Museo Archeologico di Izmir. Si ritiene che il Tempio di Atena sia stato costruito nel VI secolo a.C su una piattaforma rocciosa che domina la città e che la sua statua fosse di legno in posizione seduta. Il tempio fu distrutto dai Persiani nel VI secolo a.C e infine da un grande incendio nel V secolo a.C.

Ci sono alcune piccole isole di fronte a Foca, queste sono; Orak, Incir, Kartdere, Fener, Hayirsiz e Metalik. Soprattutto due di loro, Orak e Incir, sono gli isolotti conosciuti come le rocce delle sirene menzionate nell'Odissea di Omero. Omero descrisse queste rocce come i punti in cui le navi si schiantarono dopo che i marinai avevano perso la rotta a causa delle voci ammalianti delle sirene, creature mitologiche di una sorta di donne dotate di ali. Probabilmente è stato l'effetto del vento che passava sulle rocce a creare questa sorta di voci mitologiche. Queste strane rocce erano originariamente formate da eruzioni vulcaniche, onde, vento e pioggia. Orak è l'isola più grande di loro, ha una lunga spiaggia e anche alte scogliere. L'isola di Incir è usata principalmente come area picnic e spiaggia dalla gente. Le isole Hayirsiz e Kartdere hanno alcune alte scogliere. Durante gli ultimi scavi sulle isole Incir e Orak, gli archeologi hanno scoperto santuari rupestri rivolti verso il Tempio di Atena in Phokaia. La maggior parte di queste piccole isole e delle baie circostanti ospitano oggi alcune delle pochissime foche mediterranee rimaste in Turchia.

A Foca si possono visitare anche la fortezza lungo il mare, piccole moschee e hammam del periodo ottomano.