Banche in Turchia

Il settore bancario costituisce una parte importante del sistema finanziario turco nella sua dinamica economia. La maggior parte delle transazioni e delle attività dei mercati monetari e dei capitali sono svolte dalle banche. La maggior parte delle banche statali è stata istituita per finanziare un settore particolare come l'agricoltura per esempio (Ziraat Bank), ma le banche private hanno generalmente stretti collegamenti con grandi gruppi industriali e holding.

Le prime attività bancarie iniziarono all'inizio del 1800 con i cosiddetti cambiavalute e i banchieri di Galata. Durante questo periodo, tutte le attività quasi bancarie erano svolte da questi che erano costituiti principalmente dalle minoranze etniche di Istanbul. Con il deterioramento della situazione finanziaria dell'Impero Ottomano dopo la guerra di Crimea, l'Impero aveva bisogno di sostegno finanziario esterno. Fu durante questo periodo che rappresentanti di diverse banche straniere vennero ad Istanbul con lo scopo di estendere crediti all'Impero a tassi di interesse elevati. La Banca ottomana (Osmanli Bankasi) è stata fondata nel 1856 con sede a Londra ed è stata la banca centrale fino agli anni '30.

La Banca Centrale (Merkez Bankasi), fondata all'inizio degli anni '30, ha le solite responsabilità di banca centrale, come l'emissione di banconote, la protezione della valuta e la regolamentazione del sistema bancario e del credito. La Banca Centrale finanzia anche i deficit di bilancio del governo e concede prestiti a banche pubbliche e private. Ma dopo il 1983 la Banca centrale ha iniziato a ridurre i prestiti e ha rafforzato le sue funzioni di vigilanza.

Prima del 1980 c'erano solo 4 banche estere in Turchia, ma il loro numero è cresciuto rapidamente durante gli anni '80 quando il governo di Turgut Ozal ha liberalizzato le condizioni e oggi ce ne sono quasi 50. In questi anni sono state adottate una serie di riforme per promuovere lo sviluppo dei mercati finanziari; i tassi di interesse e di cambio sono stati liberalizzati, sono stati consentiti nuovi ingressi nel sistema bancario e le banche estere sono state incoraggiate ad operare in Turchia.

Tutte le banche in Turchia sono soggette alla legge sulle banche e alle disposizioni di altre leggi relative a queste. La nuova legge ha dato vita all'agenzia di regolamentazione e vigilanza bancaria (abbreviata BDDK in turco) per salvaguardare i diritti e i vantaggi dei depositanti. L'Associazione delle Banche della Turchia (abbreviata in TBB in turco) è l'organo rappresentativo del settore bancario in Turchia e istituito per proteggere e promuovere gli interessi professionali dei suoi membri.

A Gennaio del 2021, ci sono un totale di 48 banche che operano con 9.880 filiali in Turchia e 71 filiali all'estero.

Fonte: Associazione delle Banche della Turchia (TBB)