Alanya

Torre rossa ad AlanyaLa cittadina di Alanya si trova a circa 100 chilometri ad est di Antalya, su una penisola tra il Mar Mediterraneo a sud e le montagne del Tauro a nord. Oggi è una delle destinazioni turistiche più popolari della Turchia, specialmente per gli amanti del sole - mare - sabbia. Ha molte spiagge con bandiera blu, premiate da un'organizzazione no profit "Fondazione per l'Educazione Ambientale" (FEE), e molti hotel e resort lungo la costa su spiagge sabbiose. Pertanto, ogni anno milioni di turisti scelgono Alanya per le loro vacanze. La maggior parte dei visitatori stranieri in città proviene da Germania, Olanda, Scandinavia e Russia. Ultimamente, molti stranieri hanno acquistato proprietà ad Alanya e dintorni per le loro vacanze o per la pensione. È diventata una zona popolare soprattutto per i cittadini tedeschi.

Storicamente, la città si trovava tra le regioni della Cilicia e della Panfilia a sud. Le prime fondamenta non sono del tutto note ma durante gli scavi in diverse grotte vicine si è scoperto che la zona era abitata sin dal periodo Paleolitico. Intorno al IV secolo a.C, la città era conosciuta come Coracesium. I Seleucidi cercarono di catturarla ma non ci riuscirono. Successivamente divenne il centro della pirateria nel Mediterraneo soprattutto durante il regno del ribelle Diodoto Trifone. Il generale romano Pompeo il Grande conquistò la città nel 65 a.C, ponendo fine al dominio dei pirati. Durante il periodo romano, la città prosperò e coniava le proprie monete nel II secolo d.C, segno di ricchezza e prosperità a quel tempo.

Dopo il crollo dell'Impero Romano, i Bizantini governarono la città. La chiamarono Kalonorosa, che significava "bella montagna". Non ci sono molti dettagli del periodo bizantino ma dovrebbe essere una città cristiana come il resto della Cilicia e della Panfilia. Durante il Medioevo la città fu conosciuta con nomi diversi; Candelor, Scandelore o Galenorum, chiamato dai genovesi, veneziani e ciprioti.

Intorno all'XI e al XII secolo la città passò di mano tra i turchi selgiuchidi, il sovrano bizantino Alessio I Comneno, prima Crociata, e il sovrano armeno Kyr Vard. Infine, fu catturato nel 1221 dal sultano selgiuchide Alaeddin Keykubad I che diede il nome alla città e la chiamò Alaiye. Durante questo periodo, la città visse di nuovo i suoi giorni di splendore. Furono realizzati importanti progetti di costruzione e riparazione per acquistare i sultani, rendendo la città un importante porto commerciale per il Mediterraneo occidentale.

Dopo la caduta di Selgiuchidi, la città fu conquistata dai Karamanlidi e da altri principati dell'Anatolia, nonché dai re Lusignano di Cipro e poi dagli egiziani. Durante il dominio ottomano dopo il XV secolo, la città perse la sua importanza. Si dice che Atatürk chiamasse la città Alanya invece di Alaiye nel 1933, quindi questo è diventato il nome moderno della città.

Alanya è una delle città selgiuchide meglio conservate oggi. Ha molti siti antichi, monumenti e grotte, oltre a bellezze naturali. Alcuni dei siti importanti da non perdere in città sono: la Fortezza di Alanya, Kizil Kule (Torre Rossa), Tersane (cantiere navale), Museo archeologico ed etnografico, e la Grotta di Damlatas. Mentre nelle vicinanze i siti da visitare sono: la Fortezza di Alara (37 km ad ovest di Alanya), Alara Han (antica locanda), Sarapsa (o Serapsu) Han, Kargi Han, la villetta di Hasbahçe, la moschea di Süleymaniye, Bedesten bazaar, moschea Andizli, Ehdemek (o castello centrale), la chiesa di Hidirellez, la tomba di Sitti Zeynep, e l'antica città di Syedra.